Nei giardini di nessuno: presentazione

Copertina_Nei giardini di nessunoGiancarlo Marconi, Nei giardini di nessuno – Viaggi, isole, avventure botaniche
Maestri di Giardino Editori, Vezza d’Alba 2014
Formato 14,8 x 14,8 cm., b/n + copertina a colori, pagine 127, Euro 10,00
Codice ISBN: 978-88-98150-29-8
Prefazione di Filippo Alossa
Prima edizione: ottobre 2014
Collana 21/34 diretta da Daniele Mongera

Sardegna, Sicilia e altre isole minori del Mediterraneo sono lo scenario delle avventure botaniche di Giancarlo Marconi. Trenta cronache di altrettanti viaggi di un cercatore di piante di vecchio stampo, motivate dalla ricerca, dallo studio e dalla documentazione di specie in via di estinzione. Episodi che si trasformano via via nel racconto di luoghi, persone e paesaggi, negli incontri – a volte fuggevoli altre volte più intensi – con cui l’autore rivela ambienti anche di rara bellezza, con un centro di interesse – una pianta rara o minacciata – che diventa quasi il pretesto per approdare, con gratuità e discrezione, nei giardini che la natura offre spontaneamente, per tutti o per nessuno.

Dalla IV di copertina
Ancora una volta mi chiedevo se era giusto che frequentassi quei luoghi in cerca di una realtà, quella naturalistica e botanica in particolare, del tutto avulsa dall’elemento umano e dalla storia che avevano tanto tristemente condizionato quella meravigliosa parte del nostro Paese. Mi sembrava di essere una specie di folletto svolazzante e superficiale che si posava su quelle terre, senza mai riuscire veramente a coglierne lo spirito che le intrideva. E questa sensazione mi ha accompagnato spesso in alcuni dei miei viaggi naturalistici, non solo in Italia, perché l’iter della Natura sembra andare avanti su binari propri, del tutto indifferente alle miserie della Commedia Umana che vi si svolge.

L’Autore
Si può parlare, per Giancarlo Marconi, di due vite parallele aventi come denominatore comune la curiosità. Una è quella di ricercatore chimico-fisico al CNR, con interessi scientifici tra cui quelli sui composti antimalarici di origine naturale: il chinino e l’artemisinina; l’altra è l’esperienza di naturalista attento alla conservazione della biodiversità. È stato questo secondo richiamo, unito alla passione per la fotografia, a spingerlo a esplorare gran parte del mondo, sempre in cerca di specie animali e vegetali rare o la cui storia meritasse di essere raccontata. Molti suoi studi si sono tradotti in articoli e libri riguardanti le piante del nostro Paese. Tra i più recenti, Le piante delle nostre valli tra mito e realtà e Flora della Pianura Padana e dell’Appennino Settentrionale – Fotoatlante delle specie vascolari. Dopo essere stato per molti anni consigliere scientifico del Parco Regionale dei Gessi Bolognesi, è attualmente presidente dell’Associazione naturalistica Pangea e consigliere dell’Unione Bolognesi Naturalisti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...