14° Campus: LE RADICI NEL PASSATO (Castello di San Sebastiano Po, Torino, 10- 12 novembre 2017)

Come si interviene per restaurare o manutenere un  giardino storico?

Come si “legge” un progetto abbandonato e nascosto, in modo totale o parziale, dalla crescita spontanea?

In quali casi il recupero deve essere un restauro rispettoso del progetto originario, e in quali invece è possibile innovare?

L’innovazione può essere libera oppure deve essere ispirata a quello che era lo stile dell’epoca?

Quali vincoli sulla scelta delle piante?

Sono tutte domande che un architetto, un paesaggista o un giardiniere si devono porre quando affrontano un intervento in un giardino “antico”.

19202686

In alcuni casi il luogo è associato a un edificio storico e protetto dalle Belle Arti, e gli interventi devono seguire criteri e vincoli ben definiti.

In altri, una maggiore comprensione dello stile e delle scelte botaniche del periodo permette di affrontare il progetto in modo più consapevole, perché bisogna conoscere le regole prima di infrangerle.

E anche gli appassionati possono acquisire una nuova chiave di lettura per meglio osservare e comprendere un parco o un giardino storico.

27481946
Il Campus si svolge presso il castello di San Sebastiano Po,  il cui giardino nei secoli ha subito diverse trasformazioni, di cui esistono tracce sia fisiche sia documentali.

Segnaliamo che è in corso la richiesta al Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti, Conservatori (CNAPPC) dei crediti formativi.

Per il programma completo, costi e modalità di iscrizione potete contattarci qui:

mail: segreteria@maestridigiardino.com telefono: 329 2515637

3° Campus: Le forme del giardino naturale, Gorizia 8-10 novembre 2013

Mario stand x campus_NEW3° Campus Nazionale

LE FORME DEL GIARDINO NATURALE

 Lezioni e laboratori curati dai rappresentanti dell’Associazione Maestri di Giardino

 8-10 Novembre 2013 – Fondazione Coronini-Cronberg, Gorizia

Presentazione

C’è una differenza, in giardino, tra ciò che sembra naturale e ciò che lo è? Il terzo Campus organizzato dall’Associazione Maestri di Giardino, su invito e in collaborazione con il circolo del Friuli Venezia Giulia “Amici in Giardino”, prosegue idealmente quello svoltosi a Ormea nel marzo scorso. Dopo aver lavorato soprattutto sui principi e sulle tecniche colturali del giardino naturale, le lezioni e i laboratori pratici del nuovo Campus saranno stavolta dedicati agli aspetti compositivi ed estetici, cercando di seguire senza preconcetti le diverse declinazioni formali di questo tipo di giardino. E quindi: naturale perché spontaneo, cioè ricco di flora selvatica; oppure naturale perché informale, sulle tracce del modello di giardino che segna il gusto da molti decenni; infine naturale perché naturalizzato, ovvero ridisegnato dalle piante, anche esotiche, che hanno preso il sopravvento sulla vegetazione locale o approfittato di un periodo di scarsa manutenzione.

Anticipato da una passeggiata nell’affascinante Carso triestino, il Campus si aprirà venerdì sera a Cervignano del Friuli con una conferenza di Filippo Alossa e proseguirà il sabato a Gorizia presso Villa Coronini-Cronberg. Ai relatori il compito di tradurre le riflessioni iniziali sull’evoluzione culturale dell’idea di giardino naturale e sulle tendenze del paesaggismo internazionale in suggerimenti, idee e tecniche, fino alla trasformazione di alcune parti del giardino di Villa Nordis, sede del laboratorio domenicale. Aperta al pubblico è la serata del sabato presso la libreria LEG di Gorizia, dove sarà presentato Il mal di fiori di Didier Berruyer, ultimo libro della collana Scrivere Verde di Maestri di Giardino.


Programma

VENERDÌ 8 NOVEMBRE

(Prologo) Pomeriggio (Aurisina, Trieste)

Ore 14: Ritrovo ad Aurisina e passeggiata nel carso triestino. Raccolta di semi e talee di piante spontanee non protette (solo in caso di tempo accettabile). Partecipano: FILIPPO ALOSSA, DIDIER BERRUYER, ESTER CAPPADONNA, SIMONETTA CHIARUGI, CLEMENCE CHUPIN, MARIO MARIANI.

Sera (Agriturismo “I Glicini” di Cervignano, Udine)

Ore 18: Aperitivo friulano.

Ore 19.30: Apertura dei lavori con saluto dei rappresentanti del Circolo Amici in Giardino e dell’Associazione Maestri di Giardino.

Ore 20: Il giardino naturale: stile o pratica. Action conference a cura di FILIPPO ALOSSA.

 SABATO 9 NOVEMBRE

Mattino (Palazzo Coronini Cronberg, Gorizia)

Ore 8.30: Ritrovo presso Palazzo Coronini Cronberg e registrazione dei partecipanti.

Ore 9 – 10: Conferenza di FRANCESCO BORGESE.

• Storico, naturale: l’evoluzione di un’idea. Le origini del giardino paesaggistico e le premesse “bio” nella conduzione dei giardini storici.

Ore 10 – 11: Conferenza di FILIPPO ALOSSA.

• Effetto Clément. Ricerche e prospettive nel paesaggismo contemporaneo.

Ore 11: T-break.

Ore 11.15 – 12.45: Conferenza di CLEMENCE CHUPIN

Movimento e paesaggi nel prato naturale. Da Fukuoka a Libereso Guglielmi: la raccolta dei semi e il loro impiego nella trasformazione del giardino.

Ore 12.45: Brunch presso i locali di Villa Coronini Cronberg.

Pomeriggio (Palazzo Coronini Cronberg, Gorizia)

Ore 14-16: Laboratorio con DIDIER BERRUYER

• La sensazione del naturale. Il valore estetico dei fiori selvatici. Lavoro di composizione a gruppi su una selezione di piante spontanee e orticole.

Ore 16: T-break.

Ore 16.30 – 18: Laboratorio con SIMONETTA CHIARUGI.

Far bustine. Raccogliere, catalogare e personalizzare la propria collezione di semi.

Ore 18: Chiusura della seconda sessione.

Sera (Libreria LEG, Gorizia)

Ore 18.30: DIDIER BERRUYER presenta il libro Il mal di fiori, Maestri di Giardino Editori (serata aperta al pubblico).

Ore 20.00: Cena con prodotti tipici del Collio.

 DOMENICA 10 NOVEMBRE

 Mattino (Giardino di Villa Nordis, Gorizia)

Ore 9 – 10.30: Laboratorio con FILIPPO ALOSSA, ESTER CAPPADONNA e CLEMENCE CHUPIN.

• La creazione di un prato fiorito.

Ore 10.30: T-break all’aperto.

Ore 11 – 12.30: Laboratorio con DIDIER BERRUYER, FRANCESCO BORGESE e MARIO MARIANI.

• Comporre, decorare, integrare: piantare fiori e cespugli in parti vecchie e nuove del giardino.

Ore 13.00: Brunch.

Pomeriggio (Palazzo Coronini Cronberg, Gorizia)

Ore 14 – 16: Laboratorio con FRANCESCO BORGESE ed ESTER CAPPADONNA.

• Naturalmente rustico: le piante dei giardini abbandonati sopravvissute alla mancanza di cure (passeggiata nel parco di Villa Coronini Cronberg).

Ore 16 – 18: Conferenza di MARIO MARIANI.

Far spontaneo con l’esotico. Le forme del naturale negli alberi e nei cespugli insoliti.

Ore 17.30: Merendino e chiusura dei lavori.

Tutor: Daniele Mongera, tel. 3292515637 – mail: campus@maestridigiardino.com

Informazioni importanti

 Per partecipare al Campus è necessario iscriversi entro e non oltre il 5 novembre 2013.

Il Campus si effettuerà con un numero minimo di partecipanti. Per le modalità di iscrizione telefonare al 3292515637 oppure scrivere a campus@maestridigiardino.com.

Il Campus si svolgerà anche in condizioni metrologiche non ottimali: tutte le attività e i laboratori all’esterno saranno effettuati anche in condizioni di foschia o di leggera pioggia. È pertanto importante munirsi di abbigliamento ed equipaggiamento adeguato, oltre che di eventuali indumenti di ricambio. In caso di grave e persistente maltempo i laboratori saranno annullati e sostituiti con conferenze in aula.

2° Campus: Le regole del bosco-giardino, Verona 26-27 ottobre 2013

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

2° Campus Nazionale

LE REGOLE DEL BOSCO-GIARDINO

Creazione, cura e aspetti ornamentali del bosco domestico

26-27 Ottobre 2013 – Villa e Tenuta La Valverde, Verona

Con l’adesione di:

Logo Compagnia del giardino light AIAPP logo60.cdramicingiardino1_logo

Presentazione

Dopo il “giardino naturale”, un altro ossimoro da indagare con un nuovo Campus dell’Associazione Maestri di Giardino: il “bosco domestico”. Piantato più di una decina d’anni fa secondo un programma di rimboschimento della Regione Veneto, quello di Maria Giulia da Sacco, paesaggista veronese, si offre ora a molteplici letture, da quella ambientale a quella ornamentale. Sulla scorta di una tendenza planetaria che risponde a espressioni quali Food Forest, Forest Garden, Edible Forest, il Campus proporrà alcune riflessioni sul ruolo dei boschi – specialmente di quelli “artificiali”, e alcune soluzioni per ricavarne valori di bellezza e utilità, ciascuna con le sue precise regole.

Paolo Tasini, teorico della selvatichezza, introdurrà il tema attraverso una ricognizione del bosco quale luogo tradizionalmente coltivato. Valerio Gallerati, riproduttore di essenze della flora legnosa italiana porterà l’attenzione su come si è evoluta la consociazione botanica creata “a tavolino” nei 1,6 ettari alle porte di Verona e riproporrà la genesi naturale di un bosco, cioè a partire dal seme. A Gianpiero Gauna il compito di riportare la personale esperienza di coltivatore “forestale” attraverso un laboratorio in cui insegnerà a curare le piante e a mantenerle secondo le specifiche necessità, mentre Antonio Perazzi condurrà le sue osservazioni sul rapporto tra uomo, natura e paesaggio, quel “richiamo della foresta” che attraversa Foraverde, il libro edito da Maestri di Giardino che sarà presentato in una serata per l’occasione aperta al pubblico. Concluderà i due giorni di lavoro un laboratorio sull’intreccio e sulla realizzazione di oggetti utili per il giardino, curato da Massimo Villa, con i materiali raccolti la mattina nel bosco.

I maestri parteciperanno spesso collettivamente ai sei moduli teorico/pratici previsti, confrontando le proprie esperienze e visioni e suggerendo operazioni di miglioramento o mitigazione dell’ambiente con piantumazioni-tipo che integrano la vegetazione esistente, specialmente quella erbacea e arbustiva.

nb: il programma, che potrà subire leggere variazioni, si svolgerà con qualsiasi tempo.

PROGRAMMA

 

SABATO 26 OTTOBRE

Ore 10-12 Primo Modulo PAOLO TASINI: Nuove idee per nuovi boschi (conferenza).

Ore 14.00-16.00 Secondo modulo VALERIO GALLERATI: Leggere il bosco (laboratorio).

Ore 16.30-18.00 Terzo modulo VALERIO GALLERATI: Dal seme alla pianta – Come inizia un bosco (conferenza).

Ore 21.00 (serata aperta al pubblico) Walden o il richiamo della foresta. ANTONIO PERAZZI presenta Foraverde, Maestri di Giardino Editori.

DOMENICA 27 OTTOBRE

Ore 08.30-10.00 Quarto modulo GIANPIERO GAUNA: L’arte della manutenzione del bosco domestico – Raccolta del materiale per l’intreccio (laboratorio).

Ore 10.30-12.30 Quinto modulo GIANPIERO GAUNA, PAOLO TASINI: Più fiori, più frutti (laboratorio di piantumazione).

Ore 15.00-17.30 Sesto modulo MASSIMO VILLA: Steccati, cancelli e altri intrecci (laboratorio).

 

Per il programma completo, costi e modalità di iscrizione (entro il 20/10/2013) contattare:

Maria Giulia da Sacco www.valverde-verona.it, Maestri di Giardino 3292515637.

Mail campus@maestridigiardino.com