I giardinieri camminano…

I nostri appuntamenti 2018 prevedono alcune escursioni con camminata. Vi chiederete perchè dei giardinieri vanno a scarpinare in luoghi di natura… Beh, il 1 aprile (data perfetta) proveremo a capirlo al Contrafforte Pliocenico.

L’iniziativa è all’interno della due giorni a Bologna (qui il programma). Il nostro mentore sarà una persona speciale conosciuta in occasione dei preparativi come vi racconta Valerio in questo video.

 

Qui trovate la descrizione tecnica della camminata:

http://www.parks.it/riserva.contrafforte.pliocenico/iti_dettaglio.php?id_iti=2009

 

Due note veloci per l’equipaggiamento:

Scarpe: per le attività dell’Associazione, non trattandosi di escursioni impegnative consigliamo delle scarpe basse “da avvicinamento”, comode, leggere, possibilmente in Gore-Tex o similari e con una buona suola tipo Vibram.

 

Zaino: Per le nostre escursioni giornaliere è sufficiente una misura dai 20 ai massimo 30-35 lt. Uno zaino di queste dimensioni (35 lt.) può essere più utile in inverno quando ci portiamo più capi di abbigliamento per il freddo o la pioggia. Utile avere nello zaino: Acqua per una giornata (circa 2-3 litri) Fazzoletti di carta, Salviette umide, Felpa o micropile, Giacca leggera impermeabile e/o poncho Berretto per il sole o cuffia in pile a seconda della stagione, Pronto soccorso personale Coprizaino per la pioggia (molti zaini lo hanno incluso).

Indispensabile per noi giardinieri: una macchina fotografica con riserva di batteria.

A presto 🙂

Piante, giardini e habitat: i giardinieri si incontrano

cropped-cropped-loghino-21

Per il 2018 Maestri di Giardino propone un programma completamente nuovo, dal sapore semplice, che ci riporti ad una dimensione di maggior condivisione e soprattutto ad un tipo di incontro più informale, più in sintonia con la nostra natura di giardinieri un poco selvatici.

Abbiamo chiamato questa serie di appuntamenti:

Piante, giardini e habitat: i giardinieri si incontrano

La prima stagione di proposte prevede tre appuntamenti in tre provincie d’Italia: Bologna Lucca Bolzano per dei week-end innanzitutto all’insegna del piacere dello stare insieme.
Gli incontri sono aperti ai soci iscritti e ad amici (OGNI SOCIO può PORTARE UN FAMILIARE E/O UN AMICO). ll pranzo sarà condiviso con quanto ognuno porterà.

L’idea è di creare occasioni per scambiare i saperi, le piante, i luoghi d’ispirazione. Il tutto in un’atmosfera di ritrovo conviviale con momenti di presentazione e tanto spazio al libero scambio.

Le date scelte sono queste:
31 marzo/1 aprile Zola Predosa BO Appuntamenti presso: Vivaio Angela Martignoni, Giardino delle Stanze Sonore di Patrizia Merendi, Riserva Naturale Contrafforte Pliocenico.
14/15 aprile Lucca Appuntamenti presso: Marina di Bibbona, Vivaio Il Giardino Vivace, Giardino di Barbara Mariti.
23/24 giugno Bressanone BZ Appuntamenti presso: Vivaio Hofer, Rio di Pusteria Mühlbach, Val Sarentino Malga Waldrast.

Modalità di partecipazione: Per chi desidera soggiornare sotto lo stesso tetto in prossimità della data forniremo le indicazioni di riferimento. Ognuno è libero di partecipare come crede all’interno degli orari concordati. Per gli spostamenti ci si muove in autonomia.


Per prenotazioni e/o ulteriori informazioni

mail: segreteria@maestridigiardino.com

telefono: 329 2515637


Programma dettagliato

Bologna

Sabato 31 marzo

mattino

ore 10:00 incontro al vivaio Angela Martignoni Via Rigosa 43 – Zola Predosa – BO
ore 10:30 Valerio Gallerati presenterà una selezione personale di piante
ore 12:00 pranzo condiviso

pomeriggio

ore 14:00 Paolo Tasini presenterà una selezione personale di piante
ore 15:30 visita al Giardino delle stanze sonore Via Felicina, 1, 40132 Bologna BO con Patrizia Merendi, Didier Berruyer, Paolo Tasini, Valerio GalleratiMerendi's Garden

sera

ore 20:00 per chi desidera cena agriturismo

Domenica 1 aprile

ore 10:00 visita alla Riserva Naturale del Contrafforte Pliocenico Via Brento, 9, Sasso Marconi, BO con Didier Berruyer, Paolo Tasini, Valerio Gallerati

ore 12:00 pranzo condiviso
ore 17:00 saluti

Lucca

Sabato 14 aprile

mattino

ore 11:00 visita agli habitat di Marina di Bibbona Piazza del Forte, 1, 57020 Marina di Bibbona LI con Didier Berruyer, Paolo Tasini, Valerio Gallerati

ore 13:00 pranzo condiviso

pomeriggio

ore 15:00 visita al Giardino di Liviana e Domenico a Guardistallo con Didier Berruyer, Paolo Tasini, Valerio Gallerati

ore 19:00 presentazione dell’evoluzione d’un progetto nel podere delle Tassinaie nella
tenuta ‘’Il terriccio’’, una posizione privilegiata da dove si possono vedere la Corsica e le isole dell’Arcipelago Toscano.

sera

ore 21:00 per chi desidera cena agriturismo podere delle Tassinaie

Domenica 15 aprile

ore 09:30 incontro al vivaio Il Giardino Vivace via di Tiglio 665/c, 55012 Pieve di Compito LU


ore 12:00 pranzo condiviso

pomeriggio

ore 14:30 visita al Giardino di Barbara Mariti con Didier Berruyer, Paolo Tasini, Valerio Gallerati

ore 17:00 saluti

La Bargina

Bressanone

Sabato 23 giugno

mattino

ore 10:00 incontro al vivaio Hofer Scezze, 94, 39042 Scezze BZ

ore 10:30 Carlo Alberto Trentini presenterà una selezione personale di piante

ore 12:00 pranzo comune

pomeriggio

ore 14:30 visita alle praterie di Valles, Malga Fane SP100, 39037 Rio di Pusteria BZ con Carlo Alberto Trentini, Didier Berruyer, Paolo Tasini, Valerio Gallerati

sera

ore 20:00 per chi desidera cena agriturismo

Domenica 24 giugno

ore 9:00 visita alle fioriture in Val Sarentino Malga Waldrast con Carlo Alberto Trentini, Didier Berruyer, Paolo Tasini, Valerio Gallerati
ore 12:00 pranzo condiviso
ore 17:00 saluti


Per prenotazioni e/o ulteriori informazioni

mail: segreteria@maestridigiardino.com

telefono: 329 2515637

I giardinieri scrivono: le tracce

Di seguito, la sequenza sintetica completa degli interventi in programma durante il 12° Campus Nazionale (Ameno, Museo Tornielli, 4-6 marzo 2016). Parte degli abstract sarà anticipata nei prossimi giorni nella nostra pagina di Facebook.

Guido Giubbini
Rosanova, il linguaggio della fotografia

• Una difficile forma “applicata” di fotografia.
• Uno spazio indefinito e mutevole.
• Quadro e sequenza.
• La figura professionale del fotografo.
• Un incontro-scontro fra linguaggi artistici.
• Nelle redazioni.
• Della “traduzione in immagini”.

Daniele Mongera
Fioriti dalla parola

• Partire o scavare
• Un giardino, due registri
• Le papere di Central Park
• Ippolito Pizzetti e l’irradiamento culturale basato sulla lingua

Emina Cevro Vukovic
Assaggi di yoga e mindfulness per giardinieri

• Un momento introduttivo allo yoga e alla mindfulness, un piccolo ragionare insieme.
• Pratiche di scioglimento del corpo, con tecniche di yoga e qi gong, molto semplici, adatte a tutti, che affinano la sensibilità e aiutano a mantenere una buona postura durante il giardinaggio prevenendo incidenti e dolori.
• Una pratica di meditazione per avere occhi freschi e cuore sereno.

Paolo Tasini
Chi ha notizie di Virginia Woolf? L’educazione (letteraria) di un giardiniere

• Aveva accesso Lewis Carroll a Cathedral Garden?
• Storie di giardini e letterati: Monk’s House e Sissinghurst Garden, Virginia Woolf e Vita Sackville-West.
• Le aiuole del risguardo. Le lettere di Rainer Maria Rilke alla Signorina di Bonstetten.
• Sorella Giovanna lavora in giardino. Una poesia di Margaret Atwood.
• Una crescita felicemente compiuta. I frammenti di Roberto Sanesi.

Gabriella Assirelli
Regole della botanica, virtù del lessico

Nomina Numina, ovvero i tanti modi di chiamare le piante. Nomi popolari, nomi scientifici, nomi linguistici.
• “Dal bufalo al ranuncolo” (con una preferenza per quest’ultimo): Linneo, novello Adamo, e la nomenclatura binomia.
• Latino classico vs latino botanico, ovvero meglio un cane vivo di un leone morto.
• La pronuncia dei nomi botanici, ovvero quando il compromesso è una necessità.
• SPQB (Sono Pazzi Questi Botanici). Dove si parla di botanici enigmisti, spiritosi, dubbiosi, innamorati, bocciati in geografia.

Francesca Ghersetti
La biblioteca di un paesaggista: Ippolito Pizzetti e la Fondazione Benetton Studi Ricerche

• Ippolito Pizzetti e la Fondazione Benetton Studi Ricerche.
• La donazione dei libri, un’operazione complessa.
• Per un profilo della biblioteca (senza archivio).
• Studiare Ippolito Pizzetti, a partire dalla biblioteca.

Gabriella Assirelli e Valentina Romano
La libreria del giardino

• Breve storia di una libreria specializzata.
• Il Mignolo Verde e l’insolita libreria del giardino.
• Libri e lettori: che cosa si compra, che cosa si legge.
• Dove va il gusto: manualistica, memoriali, coffee table books.
• Una hit-parade sui generis: titoli, autori e argomenti.

Paola Tomellini e Claudio Acchiardi
L’erbario narrativo

• Iniziale e breve storia degli erbari, della botanica (dal greco botane, un’erba).
• Lo spirito dell’erbario, quell’espediente che dona ai fiori una sorta di immortalità.
• Il linguaggio dei fiori, molto conosciuto dai poeti romantici inglesi: Emily Dickinson, ai suoi autori più amati, ai suoi maestri.
• I nostri erbari e il vivere con la Natura.

Alessandra Vindrola
Dal giardino al forum: l’esperienza della Compagnia del giardinaggio

• Gli inizi della Compagnia del giardinaggio: fra gioco e cultura.
• 2006-2009 una grande piazza di incontro per il giardinaggio “alternativo”.
• Questioni di stile e di regolamento: l’impronta della moderazione.
• Nuovi media e primi esperimenti: gli utenti del forum si scoprono autori.
• Dal giardino al libro: una passione raccontata.

Nora Bertolotti
Timber Press, magazine e altri fenomeni americani

• Le case editrici universitarie: la letteratura tecnica esce dall’Accademia e se ne va in giro per gli Stati Uniti.
• Il Rodale Institute. Agricoltura e giardinaggio fianco a fianco.
• Timber Press: libri di qualità per giardinieri sofisticati.
• Punti di vista: un diverso sguardo sul giardino.
• Alcuni libri significativi che non hanno varcato i nostri confini
• Una piccola nota sulle riviste.

Gaetano Zoccali
Dai periodici italiani: la notizia, il racconto, lo stile

• Cosa fa notizia? Cos’è un target di riferimento?
• Come si riporta una notizia green?
• Prima di scrivere, come si compone un articolo step by step.
• I casi particolari: rubrica, corrispondenza, editoriale, intervista, inchiesta.
• Come si costruiscono i testi.
• Testo e linguaggio.
• Quanto di personale?
• Questioni di stile.
• Le parole sono semi. Proponiamo modelli.

Lucia Valerio
Dal giardino al green, dall’innocenza all’incertezza

• Dalle arti al lifestyle.
• Segnali di abbandono.
• Cortocircuiti estetici.
• Stampa periodica e web: temi comuni, attenzioni diverse.
• Forse non è un paradiso.
• Dalla sostenibilità alla responsabilità.

Matteo Pericoli
Le linee del racconto

• Che cosa sono le linee.
• Come raccontare le città.
• Vedere e non vedere.
• Tradurre in disegno.

 

Bello d’inverno II: le tracce

Guido Giubbini
Giardini nel paesaggio, paesaggi giardino

• Giardino chiuso e giardino aperto dal pairidaēza persiano a Gilles Clément
• Giardino come anti-paesaggio o paesaggio-giardino?
• Clima, geologia e storia per una definizione laica del “genius loci”
• Genius loci e inverno mediterraneo

Filippo Dimatteo e Matteo La Civita
I doni di Proserpina, geofite mediterranee per il giardino invernale

• La gariga dopo la prima pioggia che spegne l’estate e annuncia l’autunno
• L’inverno mediterraneo come una seconda primavera
• Le montagne in riva al mare: i Balcani, l’Appennino, le Sierras e l’Atlante
• Il Mediterraneo agli antipodi: Sud Africa, Cile e Australia
• Dalle più frugali alle più esigenti, le tecniche per coltivarle e inserirle al meglio
• Ospiti di riguardo, le vere e proprie guest stars nel mondo delle geofite

Maurizio Usai
Dalla gariga e dalla macchia, dal bush, dal fynbos e dal chaparràl:
piante mediteranee dai quattro continenti

• Biomi mediterranei nei quattro continenti, adattamenti e convergenze evolutive.
• Stagionalità inversa: le sfide del clima e dei giardini mediterranei.
• Sclerofille, l’architettura vivente
• Di bacche, di foglie e di cortecce
• I fiori dell’inverno mediterraneo

Enrico Scianca e Matteo La Civita
Cuspidata, fraterna e le altre: insolite camelie tra sughere e graniti

• La “scoperta” della Camelia e il suo arrivo in Europa e in Italia.
• Non solo Camellia japonica! Si conoscono oggi oltre 250 specie di Camellia provenienti da diversi habitat.
• Approfondimento botanico sulle specie di camelia “che non temono il sole”:
C. cuspidata
C. fraterna
C. grijsii
C. longicarpa
C. lutchuensis
C. maliflora
C. rosiflora
C. transnokoensis
C. sasanqua
• Alcuni ibridi delle specie precedenti, interessanti per portamento, abbondanza di fioritura e profumo.
• Note di coltivazione basate sull’esperienza maturata in Italia:
– caratteristiche del terreno
– irrigazione
– potatura
– patologie
• differenze colturali con la più diffusa e conosciuta C. japonica.
• Le Camelie “che non temono il sole” nel paesaggio mediterraneo:
una scelta di stile, perchè piantarle e come ambientarle in giardino.

Paolo Tasini
Lo sguardo fotografico: leggere il paesaggio e il giardino

• La fotografia è una cosa semplice: altra cosa è lo sguardo, l’intenzione di chi scatta.
• La Sardegna nel mirino dei grandi fotografi: Henri Cartier-Bresson è stato qui.
• Il National Geographic e la fotografia naturalistica.
• Di che fotografia sei? Pixel e parole stanno bene insieme.
• Una storia di Sardegna: il grande disboscamento. Colpi di scure e sensi di colpa.
• Il riscatto della natura: spunti per un giardinaggio creativo.

Sessione tecnica
Potare, Educare, Condurre

L’inverno è la stagione “del riposo” per molte piante, ma non certo per i giardinieri! È proprio quando la vegetazione rallenta i suoi ritmi a causa del freddo che si concentrano molte importanti attività di gestione e manutenzione “straordinaria” nel giardino. Queste azioni di “pulizia” sono troppo spesso portate agli estremi dalla mancanza di un’adeguata conoscenza delle specie sulle quali si interviene, e delle tecniche di taglio corrette per ciascuna. In particolare, la potatura sembra diventare un’azione “contro” le piante, che vengono tagliate selvaggiamente per ricondurle negli spazi assegnati il più rapidamente possibile, senza alcuna attenzione al contesto e al disegno nel quale sono inserite, alle specifiche esigenze che si possono presentare, né alla gradevolezza del risultato nell’immediato.
Potare è invece il gesto attraverso il quale il giardiniere “plasma” il giardino, mantiene il vigore e la salute delle sue piante, preparando le fioriture che verranno, e rivelando, un colpo di forbice dopo l’altro, nuovi scenari e prospettive, in cui la pulizia essenziale delle linee e delle forme è esaltata dai prevalenti cromatismi dei verdi, dei grigi e dei marroni. I volumi svuotati dall’inverno e le masse, spesso trasparenti per la caduta dei fogliami o rese tali attraverso la taille de trasparence, le trame di rami e strutture finalmente nude, ci restituiscono una visione del giardino completamente diversa, ma non meno suggestiva ed emozionante di quella dominata dalla lussureggiante vegetazione primaverile ed estiva.

MdG-Lab

Obiettivo dei laboratori in questo Campus è scoprire le più opportune modalità di intervento sulle diverse tipologie di piante, dagli alberi agli arbusti alle erbacee, per prepararle nel modo migliore alla nuova stagione vegetativa, e per enfatizzare la bellezza di quelle che proprio in inverno si mostrano al meglio; mantenendo e sottolineando, nel contempo, l’incanto del giardino invernale mediterraneo, in cui le sagome dei sempreverdi prendono corpo e si precisano, perfetto sfondo per fioriture più rare e per questo più preziose.

I giardinieri scrivono, 12° Campus nazionale, Ameno (No) 4-6 marzo 2016. Il programma

Un incrocio di passioni, ormai entrato nella tradizione: fare giardini e scrivere. Grandi libri sono nati dal contatto e dal lavoro quotidiano con la terra, gli animali e le piante, con il tempo atmosferico e con quello dalla “T” maiuscola. Ma altri grandi giardini sono cresciuti sul filo di queste letture, traendone ispirazione, apertura di sguardo e perfino regole, suggerimenti, tecniche: aspetto decisivo – ma forse sottovalutato – nella formazione di un giardiniere, troppo spesso occupato dal “come” delle cose e distratto invece sul “perché”.
Magari basterebbe un passo di Giuseppe Ungaretti, di giusto un secolo fa (da “Commiato”, Il porto sepolto, 1916), per capire che cosa leghi uno scrittore a un giardiniere, o perché spesso le due figure coincidano, anche se in una dimensione amatoriale: tentano forse entrambi di dare parole a ciò che è muto? Ora sono gli alberi, ora i fiori, ora gli stati d’animo e i pensieri. Entrambi abituati o inclini al silenzio, trovano concetti vangando e soluzioni compositive prendendo appunti, per poi scoprire ogni volta con sorpresa d’aver scovato (scavando) un modo per esprimere se stessi e l’oggetto delle proprie osservazioni (“quando trovo/in questo mio silenzio/ una parola…).

Il 12° Campus nazionale vuole essere un primo, breve viaggio in questo fioritissimo e chiassoso silenzio, fra piacere e formazione, fra parole e libri, nel rapporto fra scrittura e giardino, con uno sguardo agli altri linguaggi che con essi entrano in relazione: la fotografia, il documentario, il disegno, il cinema, la musica, l’erbario. Nella ventina di appuntamenti in programma al Museo Tornielli, ospiti dell’Associazione Asilo Bianco di Ameno, anche lo spazio per presentare gli ultimi libri di Maestri di Giardino e due insolite lezioni di “yoga per giardinieri” che introdurranno i partecipanti in un mondo di capisaldi letterari e di autori a sorpresa, di case editrici internazionali e di periodici, di lessico botanico canonico e di nuovo green slang.

E per concludere, domenica pomeriggio, un free reading, scambio di brevi letture e di commenti cui potranno partecipare tutti i presenti, un ribadito incrocio di gusti e di passioni. Perché i giardinieri, anche, leggono.

 

Il programma

Venerdì 4 marzo
Sala principale del Museo Tornielli
Ore 14 – 16: Assemblea sociale
Ore 16: Tea break di benvenuto e registrazione dei partecipanti
Ore 16.45: Apertura del Campus
Ore 17 – 18: Guido Giubbini
• Rosanova: il linguaggio della fotografia

Sera
Ore 18.30: Cena (opzionale)
Ore 20 – 21: Daniele Mongera
• Fioriti dalla parola
Ore 21 – 22: Alice e Giovanni Acchiardi
• A-live in the garden

Sabato 5 marzo
Mattino
Ore 8.30: Caffè di benvenuto e registrazione dei partecipanti
Ore 9 – 10: Emina Cevro Vukovic
• Assaggi di yoga e mindfulness per giardinieri
Ore 10 – 11: Paolo Tasini
• Chi ha notizie di Virginia Woolf? L’educazione (letteraria) di un giardiniere
Ore 11: pausa caffè
Ore 11.30 – 12.30: Gabriella Assirelli
• Regole della botanica, virtù del lessico
Ore 13: pranzo a buffet

Pomeriggio
Ore 14 – 15: Francesca Ghersetti
• La biblioteca di un paesaggista: Ippolito Pizzetti e la Fondazione Benetton Studi Ricerche
Ore 15 – 15.45: Gabriella Assirelli e Valentina Romano
• La libreria del giardino
Ore 15.45: pausa caffè
Ore 16.15 – 17: Paola Tomellini e Claudio Acchiardi
• L’erbario narrativo
Ore 17 – 18: Alessandra Vindrola
• Dal giardino al forum: l’esperienza della Compagnia del giardinaggio

Ore 18: Presentazione del libro I Roda. Contributo per una biografia di Gian Franco Riviera

Sera
Ore 19.30: Cena (opzionale)
Ore 21 – 22: Davide Vanotti
• Proiezione di Jelie, di Joseph Peaquin – Italia 2013 (durata 20’). Dal festival “Corto e fieno”

Domenica 6 marzo
Mattino
Ore 8.30: Caffè di benvenuto e registrazione dei partecipanti
Ore 9 – 10: Emina Cevro Vukovic
• Assaggi di yoga e mindfulness per giardinieri
Ore 10 – 11: Nora Bertolotti
• Timber Press, magazine e altri fenomeni americani
Ore 11: pausa caffè
Ore 11.30 – 12.30: Gaetano Zoccali
• Dai periodici italiani: la notizia, il racconto, lo stile
Ore 13: pranzo a buffet

Pomeriggio
Ore 14 – 15: Lucia Valerio
• Dal giardino al green, dall’innocenza all’incertezza
Ore 15 – 16: Matteo Pericoli
• Le linee del racconto
Ore 16: pausa caffè
Ore 16.30 – 18: Free reading
Ore 18: Chiusura del Campus

 

Abstract e contatti:

Ore di attività complessive: 17
Ore di lezione/conferenza: 11,5 (2 venerdì/5,5 sabato/4 domenica)
Organizzazione: Associazione culturale Maestri di Giardino, Presidente Daniele Mongera
Tel. 3292515637 – http://www.maestridigiardino.com
Curatore: Daniele Mongera – mail: campus@maestridigiardino.com

NB: il programma è suscettibile di variazioni e cambiamenti di orario. Per informazioni: campus@maestridigiardino.com, tel. 3292515637

Italia – Inghilterra, parte II: le tracce

Paolo Tasini e Maurizio Usai
Tornare alla natura, ripartire da Robinson: il nuovo lessico botanico dei vivaisti

• Un’epoca di cambiamenti, dal Naturalismo al Modernismo
• Tornare alla natura: wildness versus wilderness
• Oltreoceano: la lezione di Frederick Law Olmsted; Jens Jensen e la Prairie School
• I Nazionalisti, Karl Foerster e Richard Hansen
• Bold & Beautiful, Wolfgang Oehme e James Van Sweden all’opera
• Mien Ruys e gli albori della Dutch Wave
• Il vivaismo in Europa nella seconda metà del ‘900
• Alan Bloom ed il Blooms of Bressingham
• L’eredità di Karl Foerster
• Gli Open Days in vivaio
• Piet Oudolf e Henk Gerritsen, la rivoluzione degli aggettivi
• Piet Oudolf e Noel Kingsbury: comunicare uno stile
• Piet Oudolf: la tecnica a sostegno dell’arte
• Natural & Sustainable: le frontiere del garden design contemporaneo

Didier Berruyer e Mario Mariani
La rivoluzione del filo di graminacea

1. Introduzione
2. Una famiglia che si muove
• Cos’è una graminacea.
• Le diverse famiglie e i loro habitat.
3. Uomini e Graminacee
• Piante da mangiare.
• Piante da paesaggio.
• Piante ornamentali.
4. Graminacee in giardino
• Le stagioni.
• Il terreno e le condizioni climatiche.
• In città.
5. Cultura e cura
• Semi, divisione.
• Piantagione, manutenzione.
• Problemi.
6. Passione, amori, affetti in partita doppia

Filippo Alossa e Matteo La Civita
Il bello del secco: gravel garden e xeriscape, Beth Chatto e Olivier Filippi

1. Le piante e l’acqua. Esigenze, capacità di adattamento e resistenza al secco. L’Italia e i suoi climi.
• Il giardino arido.
• Preparazione e sistemazione del terreno.
• Scelta delle piante.
• Piantagione.
• Irrigazione.
• Manutenzione.
2. Tecniche del giardino arido utili per tutti i giardini
• Pacciamatura (tipologie, vantaggi e svantaggi).
• Sarchiatura (vantaggi e svantaggi).
• Copertura del suolo (piante tappezzanti, etc.).
• Irrigazione, tecniche e tecnologie.
3. Alcuni paesaggisti che hanno proposto il giardino secco
• Beth Chatto.
• L’approccio ecologico e le comunità di piante.
• The gravel garden.
• Olivier Filippi.
• Giardino “guidato” dalle piante.
• Il giardino mediterraneo: amore per la propria terra, ricerca botanica, purezza concettuale.
• Peter Janke.
• La declinazione tedesca del gravel garden.

Rossana Raballo ed Elisa Tomat
Dai prati e dalle praterie: i nuovi modelli compositivi

1 Dai prati
• Praterie temperate. I prati aridi come luogo: dove sono in Italia e quali specie ospitano. Normative di tutela
• I prati aridi come modello di habitat: cosa insegnano su popolazioni, comunità, nicchie ecologiche, ecosistemi. Stress, disturbo e competizione. Ricchezza di specie e fertilità
• Inserimento di specie di prato arido nel giardino progettato ecologicamente: uso di semi/piantine. Biodiversità funzionale: complementarietà e sostituzione. Il super meadow di Piet Oudolf
• Esempi di specie di prato arido – Graminacee e Dicotiledoni – per le nuove bordure: piante promettenti o deludenti?
• Specie ivasive e principio della precauzione
2 Dalle praterie
• Prairie gardens, naturalistic gardens, perennial meadows: nuove definizioni di giardino.
• L’ambiente di riferimento: la prateria.
• L’ecosistema prateria: shortgrass prairies, mixed prairies, tallgrass prairies. Graminacee ed erbacee perenni delle praterie: alcuni esempi.
• I pionieri nell’utilizzo delle graminacee: Oheme e Van Sweden e il New American Garden.
• Dall’altra parte dell’oceano: la Dutch Wave. Piet Oudolf e Michael King, due plantsmen a confronto.
• The Sheffield School: Nigel Dunnet e James Hitchmough. I “Pictorial Meadows” e la semina in situ.
• Cinque piante da scoprire e sperimentare: Eryngium yuccifolium, Parthenium integrifolium, Pycnanthemum tenuifolium, Sorghastrum nutans, Deschampsia caespitosa.

Matteo La Civita e Maurizio Usai
Esperienze e progetti italiani in rassegna

Maurizio (a supporto di Christopher Lloyd)
• Il mixed border come modulo stilistico e compositivo: l’astrazione delle forme e del paesaggio, la suggestione di un’emozione.
• La Pietra Rossa, laboratorio di sperimentazione: alla ricerca di uno stile proprio, tra ambizioni britanniche e realtà mediterranea.
• 10 anni di bordure, più o meno miste, più o meno all’inglese.

Matteo (a supporto di Beth Chatto)
• Esperienze inglesi: Shrubs v Herbaceous Perennials.
• Casale in Toscana: una collina arida battuta dal vento con minima possibilità di irrigazione… quando anche la “New-Provence” può essere una soluzione.
• Il mio giardino: una relazione a lunga distanza tra eccentricità botaniche e realtà urbana.

Italia – Inghilterra, parte II – 10° Campus nazionale

L’evoluzione del mixed border protagonista al Giardino Viatori di Gorizia, dal 23 al 25 ottobre, del secondo e conclusivo appuntamento dedicato al “compendio” del giardino inglese.

Importanti novità nella formula ormai tradizionale del Campus: tutte le conferenze saranno a due voci, mentre i contributi botanici saranno concentrati in un’unica conferenza collettiva, un autentico bordo misto parlato.

PROGRAMMA

VENERDÌ 23 OTTOBRE

(Extracampus)
Mattino (Pordenone)
Ore 10: Visita a un magredo

Pomeriggio
Ore 13: Visita al giardino di Maria Grazia Riva
Ore 15: Visita al giardino di Vito Corgnali

Sera (Gorizia)
(Libreria LEG)
Ore 18: Presentazione di Nativa dei prati di Elisa Tomat

(Giardino Viatori)
Ore 19: Apertura del Campus
Ore 19.15: Cena a buffet
Ore 20 – 22: Conferenza a più voci
• È ancora vivo il bordo misto?

SABATO 24 OTTOBRE

Mattino
Ore 8: Ritrovo e registrazione dei partecipanti.
Ore 8.30 – 10.30: Conferenza di Paolo Tasini e di Maurizio Usai
• Tornare alla natura, ripartire da Robinson: il nuovo lessico botanico dei vivaisti
Ore 10.30: pausa caffè
Ore 11 – 13: Conferenza di Didier Berruyer e di Mario Mariani
• La rivoluzione del filo di graminacea
Pomeriggio
Ore 14 – 16: Conferenza di Filippo Alossa e di Matteo La Civita
• Il bello del secco: gravel garden e xeriscape, Beth Chatto e Olivier Filippi
Ore 16: pausa caffè
Ore 16.30 – 18.30: Conferenza di Rossana Raballo e di Elisa Tomat
• Dai prati e dalle praterie: i nuovi modelli compositivi
Sera
Ore 20: Cena libera

DOMENICA 25 OTTOBRE

Mattino
Ore 8: Caffè di benvenuto e registrazione dei partecipanti
Ore 8.30 – 10.30: Conferenza collettiva
• Le piante dei nuovi bordi misti
Ore 10.30: Pausa caffè
Ore 11 – 13: Laboratorio di composizione – I parte
Ore 13: Pranzo a buffet
Pomeriggio
Ore 14 – 15: Conferenza di Matteo La Civita e Maurizio Usai
• Esperienze e progetti italiani in rassegna
Ore 15 – 17: Laboratorio di composizione – II parte
Ore 17: Free speech conclusivo intorno a un caffè
Ore 18: Chiusura del Campus

NB: il programma è suscettibile di aggiornamenti.

Cartolina_Italia_InghilterraII_fronte-1